GAMBERO ROSSO – PARTE CON SLANCIO IL TOUR SUL VINO

Si è completata con successo la prima parte del tour pianificato dal gruppo romano. E’ questa la sintesi espressa da Paolo Cuccia, presidente di Gambero Rosso, alla fine delle prime tappe del programma che ha portato la società prima in Germania poi negli Stati Uniti, con 100 aziende a Monaco e 200 a New York. Appuntamenti nel corso dei quali i produttori hanno presentato i loro vini nell’ambito della manifestazione ‘Tre Bicchieri’ che rappresenta l’asse portante del piano che porterà il gruppo a realizzare circa 50 eventi nel Mondo entro la fine del 2016.

“E’ partito bene il 2016 per i vini italiani di qualità della guida del Gambero Rosso”.  Sono queste le parole usate da Paolo Cuccia, presidente dell’omonima società, per commentare i primi risultati degli incontri organizzati a Monaco. “Le aziende che hanno partecipato alla manifestazione denominata ‘Tre Bicchieri’, con prodotti della più alta qualità,che hanno potuto incontrare a Monaco, all’interno del museo della BMW, i rappresentanti dell’importazione, della ristorazione e del trade nonché i più importanti giornalisti della stampa generalista e specializzata”.

La tappa di Monaco rappresenta una novità rispetto al 2015 e, prosegue Cuccia, “Queste cifre confermano la centralità della guida Vini d’Italia (tradotta in quattro lingue) e l’azione di promozione che il Gambero Rosso sviluppa nel mondo e che nel 2016 conterrà 36 destinazioni per i partecipanti alla guida, oltre a una dozzina di eventi speciali”.

Un tour, nato dal grande lavoro svolto nel 2015, quello degli eventi ‘Tre Bicchieri’, partito a gennaio in Germania e poi approdato negli Stati Uniti dove a febbraio sono state toccate le città di Chicago, New York e San Francisco nonché, per la prima volta, Seattle con la manifestazione ‘Top Italian Wine Roadshow’. Complessivamente, nelle quattro tappe, i vini presentati sono stati del 20% superiori a quelli del 2015.

E le cifre del pubblico professionale partecipante alle manifestazioni sono “altrettanto interessanti poiché è cresciuto del 40% il numero degli esperti presenti, che hanno superato quota 5.500 considerando le controparti del trade, la stampa  e i rappresentanti della distribuzione”. Più in particolare, come ricorda Cuccia “Il mondo dei media e della comunicazione ha pesato per circa il 10% dei 5.500 partecipanti, mentre il 27% è composto da importatori ed esponenti del mondo della distribuzione. Vi è stata inoltre una nutrita rappresentanza di chef e sommelier, circa il 30 per cento, ma è anche da sottolineare una forte presenza di soggetti formatori, circa il 16%, e un’ottima componente del segmento retail, il 17 per cento”.

Il tour proseguirà a marzo con altri tre importanti eventi, due in Europa, Londra e Düsseldorf, come evento di apertura in occasione di ProWeine uno nella lontana Australia dove, dopo il successo della precedente edizione, i produttori hanno deciso di voler essere nuovamente accompagnati dal Gambero Rosso.