Servizi Finanziari (Aim) – Positiva solo CdR Advance Capital (+1,4%)

Ieri, in un contesto borsistico internazionale ancora contrastato e prossimo alla parità, con i mercati asiatici negativi, l’indice del comparto Aim Servizi Finanziari ha perso lo 0,9 per cento. Nel contempo il Ftse Aim Italia ha ceduto lo 0,2%, il Ftse Italia All Share lo 0,4% e il London Ftse Aim 100 l’1,1 per cento.

Sei i titoli del comparto movimentati, uno solo al rialzo e cinque al ribasso. CdR Advance Capital, unico titolo positivo, proseguendo l’andamento altalenante iniziato a metà novembre ha guadagnato l’1,4%, da 1,011 a 1,025 euro con 121.500 pezzi scambiati, quantitativo di un certo rilievo.

La Società ha comunicato di aver perfezionato, attraverso Dimore Evolute Certosa, l’acquisto di un complesso immobiliare a destinazione residenziale in corso di costruzione in Viale Certosa a Milano.

Ambromobiliare ha subìto, invece, una limatura dello 0,1%, da 3,60 a 3,598 euro con 1.800 pezzi passati di mano. Eps Equita Pep Spac, a sua volta, ha ceduto lo 0,3%, da 10,48 a 10,45 euro con 2.000 pezzi negoziati. Equita Group ha stornato lo 0,8%, da 3,10 a 3,076 euro con 95.500 pezzi.

Wm Capital, nell’ambito del recente movimento laterale, ha perso l’1,7%, da 0,5495 a 0,54 euro con 66 mila pezzi scambiati. Assiteca, infine, proseguendo il trend discendente iniziato ai primi di novembre, ha lasciato sul terreno il 3,1%, da 2,75 a 2,666 euro con 1.500 pezzi.