Go internet (Aim) – Titolo in asta di volatilità (+14%)

Pochi minuti dopo l’apertura le azioni GO internet sono state sospese dalle contrattazioni per eccesso di rialzo, quando segnavano un progresso del 14% a 1,625 euro.

Un balzo che consente al titolo di riportarsi sui valori di fine 2017, dopo le perdite a cavallo tra la fine dello scorso anno e l’inizio del 2018 che avevano portato le quotazioni a toccare un minimo di 1,325 euro il 4 gennaio.

Nei prossimi giorni dovrebbero essere pubblicati i dati relativi alla crescita dei clienti nel mese di dicembre 2017. A novembre la società umbra aveva segnato uno sviluppo su base annua del 13%, acquisendo 339 nuovi clienti all’interno del segmento 4G Lte e 239 clienti nel 4G Wimax, entrambi attivi nelle Marche e in Emilia Romagna, oltre a 53 nuovi clienti nel segmento Fiber To The Home attivo a Perugia.

Il titolo potrebbe beneficiare in parte anche dell’ingresso di un fondo di private equity americano, Searchlight Capital Partners, in Eolo, società affine a GO internet e specializzata nel portare internet a banda larga con la tecnologia wireless nelle aree non coperte dalla fibra. Nel dettaglio gli americani acquisiranno il 49% del capitale di Eolo, finanziando investimenti per 300 milioni nel triennio 2018-2020.