Tecnologia – Telecom Italia debole (-0,6%) dopo i conti

Giornata positiva per il comparto IT di Piazza Affari, con il Ftse Italia Tecnologia che termina a +1%, sovraperformando l’indice di settore continentale Euro Stoxx Tecnologia (+0,7%) e il Ftse Mib (+0,3%).

Per l’azionario europeo è stata una seduta complessivamente positiva, ma il listino milanese è rimasto leggermente arretrato rispetto agli altri benchmark, penalizzato dai timori sul governo Lega-M5s in via di formazione. Il Btp decennale resta in area 2,1%, separato da uno spread dal Bund in lieve contrazione a 147 bp. Sul Forex il cambio euro/dollaro si mantiene intorno a 1,18, con il biglietto verde ancora sostenuto dal movimento rialzista del T-Bond, stabilmente al 3,1 per cento.

Tornando al settore hi-tech di Piazza Affari la big cap Stm archivia gli scambi a +1,3% mentre la mid cap Reply ha Reply termina a +3,3% per cento.

Debole la tlc Telecom Italia (-0,6%), all’indomani dei risultati del primo trimestre che hanno evidenziato ricavi sostanzialmente in linea con le attese, un lieve peggioramento della gestione operativa e un utile netto in aumento. La società ha inoltre comunicato il termine dell’attività di direzione e controllo da parte di Vivendi e ha inviato una lettera al ministero del Lavoro per avviare le procedure atte a richiedere la cassa integrazione straordinaria per gestire 4.500 esuberi.