Mercati Usa – Il Nasdaq resta sui massimi in avvio oltre 7.700 punti

Apertura poco mossa a Wall Street in attesa della conclusione questa sera del meeting della Federal Reserve. Dopo pochi minuti di scambi, Dow Jones e S&P 500 oscillano sulla parità, mentre il Nasdaq avanza di due decimi di punto percentuale mantenendosi sui massimi storici oltre quota 7.700 punti.

I mercati danno ormai per scontato il secondo rialzo dei tassi di interesse del 2018 dopo quello di marzo, mentre l’attenzione sarà rivolta principalmente su eventuali indicazioni circa il numero degli ulteriori interventi sul costo del denaro nella restante parte dell’anno.

Secondo alcune indiscrezioni, inoltre, il presidente della Fed Jerome Powell sta valutando se tenere una conferenza stampa e accettare domande al termine di ogni meeting, a differenza di quanto avviene attualmente con la banca centrale che alterna la conferenza stampa e il comunicato.

Domani, invece, si terrà la riunione della Bce, con gli investitori che sperano di ottenere dettagli sulle tempistiche di uscita dal Qe. La maggior parte degli economisti si attende che l’Eurotower concluda il proprio programma di acquisto titoli entro la fine dell’anno, anche se resta incertezza su un’eventuale decisione già nell’appuntamento di domani o in quello di luglio.

Intanto, la moneta unica recupera dai minimi di giornata nei confronti del biglietto verde, con il cambio euro/dollaro risalito a 1,178 da 1,173, mentre il dollaro/yen viaggia a 110,5 dopo aver toccato il massimo di tre settimane.

Tra le materie prime, sostanzialmente stabile l’oro rispetto alla mattinata poco sotto quota 1.300 dollari l’oncia. In lieve calo invece le quotazioni del petrolio con il Brent (-0,1%) a 75,8 dollari e il Wti (-0,5%) a 66 dollari, in attesa dell’uscita questo pomeriggio dei dati settimanali Eia sulle scorte Usa.

Poco mosso infine il comparto del reddito fisso, con il rendimento della scadenza decennale al 2,96% e il tasso sul biennale al 2,55 per cento.