Obbligazioni – Sostanziale stabilità dei rendimenti Btp

Variazioni contenute per l’obbligazionario europeo con lo sguardo degli investitori puntato in particolare sulla riunione della Federal Reserve, in calendario tra oggi e domani, nonché sul proseguimento della campagna di immunizzazione.

Listini continentali positivi con il Ftse Mib che sale dello 0,7%.

Il focus resta quindi sulle comunicazioni della Fed, che includeranno nuove proiezioni sull’economia e sui tassi di interesse, oltre a possibili dichiarazioni in merito al recente aumento dei rendimenti.

Le attese su una ripresa economica più rapida del previsto hanno già contribuito a spingere l’indicatore dell’inflazione al livello più alto dal 2008 e un rinnovato aumento dei rendimenti potrebbe stimolare la rotazione dai titoli growth a quelli value.

Intanto, in Europa, occhi sul vertice dell’Ecofin, che vede la partecipazione del vicepresidente della Banca centrale europea, Luis de Guindos, mentre continua il confronto sugli effetti collaterali del vaccino Astrazeneca, dopo la sospensione in via precauzionale della somministrazione del siero da parte di Francia, Italia, Germania e Spagna.

Tornando all’obbligazionario ieri sera il Mef ha comunicato che domani emetterà  fino a 2,5 miliardi di Btp aprile 2031 a fronte del riacquisto di quattro titoli in scadenza quest’anno.

Nel frattempo il rendimento del decennale italiano è stabile allo 0,61% con uno spread a 95 punti (+3 bp).

Oltreoceano il tasso del T-Bond si mantiene in area 1,6% mentre sul forex il cambio euro/dollaro risale sopra quota 1,193.