Mercati Usa – Previsto avvio negativo dopo dati Adp

I futures sull’azionario Usa cedono lo 0,4-0,6%, preannunciando una partenza negativa a Wall Street dopo i dati sull’occupazione americana e mentre si attenua l’ottimismo per i progressi nei negoziati tra Russia e Ucraina.

Il sentiment dei mercati ieri aveva beneficiato delle speranze che i colloqui tra Mosca e Kiev potessero portare a breve a un cessate il fuoco, ma il Cremlino ha precisato che al momento non ci sono state delle svolte nelle trattative.

I dubbi sui negoziati di pace evidenziano come il recupero dell’azionario globale resti fragile, tra il proseguire delle ostilità e mentre gli alleati Nato valutano le reali intenzioni russe dopo la promessa di ridurre le operazioni militari in Ucraina.

Nel frattempo, la Germania ha implementato un piano di emergenza per garantire gli approvvigionamenti energetici, preparandosi a una potenziale interruzione dei flussi di gas naturale da Mosca dopo la richiesta di pagamenti in rubli.

Intanto, l’inversione di parte della curva dei rendimenti dei Treasury alimenta il dibattito sui rischi di un rallentamento dell’economia in un contesto in cui le banche centrali si preparano a ritirare i propri stimoli.

Sul fronte macro, in attesa del Job Report di venerdì, i dati Adp hanno evidenziato la creazione di 455 mila posti di lavoro nel settore privato Usa a marzo, rispetto ai 450 mila previsti dagli analisti e ai 486 mila della rilevazione precedente (rivista da 475 mila).

La lettura finale del Pil Usa annualizzato del quarto trimestre, invece, ha evidenziato una crescita del 6,9% su base congiunturale, rivista dal +7% della rilevazione precedente.