Mercati – Previsto avvio poco mosso, a Milano occhi su Stm

Prevista una partenza poco mossa per le borse europee, con i segnali contrastanti provenienti dalle trimestrali, la nuova sfida Covid in Cina e la prospettiva di una stretta monetaria aggressiva da parte della Fed che puntano a un deterioramento dell’outlook dell’economia.

Chiusura in pesante rosso ieri a Wall Street, con i principali indici americani che hanno terminato la sessione sui minimi intraday trascinati al ribasso dal listino tecnologico. Il Nasdaq ha perso il 4%, lo S&P 500 il 2,8% e il Dow Jones il 2,4%.

A mercati chiusi hanno diffuso i risultati Microsoft e Google, con la prima che ha battuto le attese degli analisti e la seconda che invece ha deluso. Attesi oggi, invece, i conti di Meta-Facebook, mentre domani sarà il turno di Apple e Amazon.

Tra i mercati asiatici, stamane, Tokyo ha chiuso in calo dell’1,2%, mentre Hong Kong avanza dello 0,2% e Shanghai balza del 2% dopo che il presidente cinese Xi Jinping ha promesso maggiori investimenti in infrastrutture.

Una mossa che rappresenta l’ultimo step per supportare l’economia colpita nuovamente dai lockdown, con Pechino che continua i test di massa sul Covid mentre Shanghai resta chiusa.

Aumentano intanto le preoccupazioni che la Russia possa interrompere le forniture di gas all’Europa, dopo che Mosca ha dichiarato che taglierà gli approvvigionamenti a Polonia e Bulgaria dopo il rifiuto di pagare le importazioni russe in rubli.

I timori per una crisi energetica, insieme alle trimestrali deludenti di alcuni colossi come Google, hanno gettato ulteriori dubbi sull’outlook per i mercati, in un contesto già fragile a causa della campagna restrittiva della Fed per contrastare l’inflazione e di lockdown in Cina.

Per quanto riguarda l’azionario, da seguire Stm dopo la diffusione dei risultati trimestrali questa mattina prima dell’apertura dei mercati. Occhi anche su Tenaris, che oggi riunisce il Cda per l’approvazione dei conti.