Illa (Aim) – Le linee strategiche del piano industriale 2020-2023

Illa, attiva nella produzione e commercializzazione di pentole in alluminio con rivestimento antiaderente, ha presentato oggi il nuovo Piano Industriale 2020-2023.

Un piano resosi necessario per considerare un’eventuale uscita completa già a partire dal 2021 del cliente IKEA, che nell’ultimo anno ha ridotto in modo anomalo il volume d’affari con Illa a favore di fornitori asiatici.

I risultati attesi per fine anno prevedono infatti ricavi in calo da 33,4 a 28,6 milioni (di cui 20,5 verso IKEA), un Ebitda negativo per 0,5 milioni (1 milione nel 2018) e una perdita netta di 1,7 milioni. L’indebitamento finanziario netto è invece stimato a 12,1 milioni, in aumento rispetto ai 10,1 milioni del 2018.

Illa ha dunque messo a punto una nuova strategia, focalizzata su quattro priorità:

  • riposizionamento del prodotto con focus su prodotti di fascia di prezzo entry-level per una migliore copertura dei costi e una maggiore saturazione della capacità produttiva;
  • riposizionamento di mercato con una maggiore espansione internazionale e penetrazione sul mercato europeo;
  • investimenti e recupero della marginalità grazie a una maggior efficienza produttiva;
  • riduzione dei costi fissi e degli overhead costs.

Nel 2020 il fatturato è dunque atteso ragionevolmente a 29,6 milioni, di cui 23 milioni ad alta visibilità, compresi 7 milioni generati dalle vendite a IKEA.

Questi ultimi andranno poi man mano ad esaurirsi negli esercizi successivi, che beneficeranno però del cambiamento dell’indirizzo commerciale e della clientela.

Già nel prossimo anno sono infatti presenti ordini potenziali, attesi con ragionevole certezza e già confermati, riguardanti forniture importanti nel canale loyalty per circa 8 milioni e una promozione internazionale per 1,2 milioni.

La strategia dovrebbe quindi portare il giro d’affari a 35-37 milioni nel 2023, grazie a una strategia commerciale più incisiva con l’innesto di nuove figure di elevato standing e al recupero di efficienza produttiva per una maggiore concorrenzialità.

Nello stesso anno il target dell’Ebitda è previsto tra il 6% e il 7%, con il bilancio atteso vicino al pareggio già a partire dal prossimo anno.

In arco di piano gli investimenti ammonteranno a 2,5 milioni e saranno destinati allo sviluppo della tecnologia di verniciatura a rullo, per la quale è prevista una nuova linea produttiva ad alto contenuto innovativo che consentirà ad Illa di avere un vantaggio competitivo anche presso i concorrenti asiatici.

Inoltre, verrà migliorata la tecnologia di verniciatura a spruzzo per mantenere e aumentare le quote di mercato in tutte quelle aree attente al Made in Italy.

Infine, il piano necessiterà di sostegno al circolante per circa 4 milioni, che avrà il suo massimo fabbisogno finanziario nel 2021.

Quanto descritto avrà l’effetto di trasformare completamente Illa da azienda monocliente ad azienda più competitiva e in grado di confrontarsi sul mercato con una clientela diversificata e, pertanto, meno rischiosa.