Global Markets – Settore Oil & Gas e Utility

Si riporta l’andamento odierno dei principali titoli internazionali del settore energetico e delle utilities:

Chiusura di settimana con gli indici dell’area euro che scambiano sulla parità: il FTSE Mib segna un +0,04%, il Dax 30 un +0,07% e il Cac 40 un +0,05%. Al di là della manica il FTSE 100 arretra dello 0,52% e oltreoceano il Dow Jones cede lo 0,22%.

Moody’s ha alzato l’outlook di Total (-0,5%) da stabile a positivo, confermando il rating Aa3.

Innogy ha tagliato la guidance per l’intero anno, citando i cambiamenti strutturali dovuti all’acquisizione da parte di E.On. L’utility tedesca si aspetta ora un Ebit rettificato di 1,6 miliardi, in calo rispetto alla guidance precedente di 2,2 miliardi.

I ricavi di E.On (+3,5%) nei primi nove mesi dell’esercizio 2019 sono aumentati dell’8,8% a/a da eur 21,1 miliardi ai 23,1 miliardi grazie alla performances di tutti i business, in particolare Customer Solutions (+5,8% a 16,7 miliardi) e al consolidamento di Innogy (940 milioni).

L’Ebitda è diminuito del 42,3% da 4,7 miliardi a 2,7 miliardi e l’Ebit è calato del 60,5% da 3,6 miliardi a 1,5 miliardi. Grazie al risultato delle attività non continuative (positivo per 1,75 miliardi), la diminuzione del risultato netto è stata del 26,4% da 3,15 miliardi a 2,4 miliardi.

Edf (+0,9%) avvierà la costruzione del parco eolico scozzese Scottish Neart na Gaoithe in collaborazione con Ireland Electricity Supply Board, partner al 50% del progetto.

Il progetto avrà una capacità di MW 450 e soddisferà il 4% del fabbisogno energetico della regione. Tra le società appaltatrici del progetto figurano Siemens Gamesa (+0,7%), Saipem (-2,6%) e Ge Renewable Energy Solutions.