Eles (Aim) – Banca Profilo avvia copertura con Buy e Target Price a 6,45 euro

Banca Profilo ha avviato la copertura sul titolo Eles assegnando raccomandazione “Buy” e target price a 6,45 euro. Una valutazione che incorpora un potenziale uspide del 21,4% rispetto al prezzo di chiusura di ieri 17 dicembre (5,31 euro).

Gli analisti hanno condotto la valutazione utilizzando il metodo dei Discounted Cash Flow e dei Multipli: dall’attualizzazione dei flussi di cassa futuri e del terminal value, gli analisti hanno ottenuto un Equity Value di 79 milioni per un valore di 7,1 euro per azione, mentre il metodo dei multipli ha evidenziato un Equity Value di 65 milioni, pari a 5,83 euro per azione.

Entrando nel dettaglio delle proiezioni (a parità di perimetro) di Banca Profilo, gli analisti si attendono che Eles continuerà a far meglio del mercato di riferimento, sfruttando il posizionamento strategico, i prodotti innovativi per il mercato TBDI e le strategiche partnership siglate.

Nonostante i numeri dei primi sei mesi del 2019 abbiano evidenziando un rallentamento su base annua del giro d’affari, fortemente influenzato dagli inattesi eventi macro quali la guerra commerciale Usa – Cina e il dieselgate, Eles è stata in grado di confermare il budget annuale.

Un risultato importante raggiunto attraverso la vendita di servizi specifici e prodotti in grado di supportare le attività di testing: nelle fasi negative di ciclo economico le società attive nel business dei semiconduttori tendono infatti a ridurre gli investimenti nelle attività produttive, incrementando invece gli investimenti in ricerca e sviluppo.

A partire dal 2020 gli analisti si attendono un rimbalzo del settore dei Semiconduttori e ECU (Electronic Central Unit) che sosterrà la crescita del giro d’affari di Eles, atteso a 39,2 milioni nel 2022 (cagr 13,9%; ricavi 38,8 milioni cagr 15%).

Una dinamica positiva destinata ad amplificarsi a livello di gestione operativa: l’Ebitda è previsto a 9,8 milioni nel 2022 (cagr 26,7%), con il relativo margine che toccherà il suo picco proprio nell’ultimo anno di stime al 25% (16,3% nel 2018). In sensibile miglioramento anche la posizione finanziaria netta che dovrebbe diventare positiva nel 2021 per 0,4 milioni e 6,1 milioni nel 2022.