Mercati – Prevista apertura negativa

Le borse europee dovrebbero iniziare la seduta in calo dopo il recupero degli ultimi giorni, con i mercati intenti a valutare i segnali di rallentamento della diffusione del coronavirus accompagnati però da un aumento delle vittime.

Chiusura poco sotto la parità ieri a Wall Street, con gli indici americani scivolati nel finale dopo una partenza in rialzo. Il Dow Jones ha lasciato sul terreno lo 0,1%, lo S&P 500 lo 0,2% e il Nasdaq lo 0,3%.

In particolare, ha pesato il bollettino dei decessi giornalieri con lo Stato di New York che ha riportato il maggior numero di vittime dallo scoppio della crisi negli Stati Uniti, ricordando agli investitori che l’emergenza è ancora lontana dall’essere finita.

Intanto, la Casa Bianca sta lavorando ad un altro pacchetto di stimolo di 250 miliardi di dollari a favore delle piccole aziende per sostenerle in questo periodo di chiusura nella gran parte degli Stati del Paese.

Tra i mercati asiatici, prosegue il recupero di Tokyo che ha chiuso in rialzo del 2,1%, mentre il Giappone ha avviato lo stato di emergenza. Shanghai arretra dello 0,3% e Hong Kong cede oltre l’1,5%.

L’Italia ha riportato ieri il numero più basso di contagi dallo scorso 13 marzo, cominciando a pensare a un’eventuale “fase 2” della crisi anche se al momento non è stata ancora fissata una data per un allentamento delle restrizioni.