Mercati Usa – Apertura in rialzo, Dow Jones a +1,3%

Partenza in rialzo a Wall Street con i mercati sempre intenti a valutare l’evoluzione dell’epidemia e i suoi impatti a livello economico. Dopo pochi minuti di scambi, Dow Jones e Nasdaq guadagnano l’1,3% e lo S&P 500 l’1,1%.

Si affievolisce parzialmente l’ottimismo su un rallentamento della pandemia, con gli investitori che sembrano ancora riluttanti ad aumentare la propria propensione al rischio mentre cresce la diffusione del virus in alcune delle principali economie mondiali.

Aumentano inoltre le preoccupazioni che le misure di stimolo adottate da governi e banche centrali per contrastare gli effetti della crisi sanitaria siano state tardive o che in ogni caso non saranno sufficienti ad evitare una pesante recessione.

Lo Stato di New York ha riportato ieri il maggior numero di vittime giornaliere dallo scoppio della crisi ricordando agli investitori che l’emergenza è ancora lontana dall’essere finita, mentre a livello nazionale i casi hanno superato i 400 mila raddoppiando in una settimana.

Intanto l’amministrazione Trump sta lavorando a un nuovo pacchetto di stimoli da 250 miliardi di dollari a favore delle piccole aziende colpite dallo stop delle attività produttive, in aggiunta ai 350 miliardi rientranti nel Cares Act approvato lo scorso 27 marzo.

Sul Forex il cambio euro/dollaro è sostanzialmente stabile in area 1,089 dopo che i ministri finanziari dell’Eurozona non sono riusciti ad accordarsi su una risposta comune all’emergenza, mentre il dollaro/yen è in lieve rialzo a 108,9.

Tra le materie prime in rialzo le quotazioni del greggio con il Brent (+0,9%) a 32,1 dollari e il Wti (+3,9%) a 24,6 dollari, sulle speranze che l’incontro dell’Opec+ porti a un taglio alla produzione e in attesa dei dati settimanali Eia sulle scorte Usa in uscita questo pomeriggio.

Nel comparto del reddito fisso, infine, il rendimento del decennale americano risale di circa 4 punti base allo 0,75%, mentre quello del biennale si mantiene allo 0,27%.