UCapital24 (Aim) – I numeri del 2019 riflettono la ripianificazione strategica

Il Cda di UCapital24 ha approvato il progetto di bilancio d’esercizio 2019, chiuso con ricavi per 62mila euro (183mila euro nel 2018).

I ricavi hanno messo in evidenza uno scostamento rispetto i 96mila euro, comunicati nel documento di ammissione, a seguito del rallentamento del lancio commerciale legato alla valutazione strategica di internalizzare la divisione R&D.

Il breakdown dei ricavi presenta la seguente ripartizione: Marketing Partner Fee 16,5%, Service Fee 80,8% e other 2,5%. Dal lato geografico, la suddivisione dei ricavi evidenzia come quasi tutta la totalità del giro d’affari del 2019 sia stato realizzato all’estero (97,4%)

A livello di gestione operativa, si segnala un Ebitda negativo per 1,1 milioni (Ebitda negativo per 0,2 milioni nel 2018) che si confronta con un Ebitda obiettivo in deficit di 1,5 milioni, in miglioramento a seguito dello slittamento degli investimenti in marketing.

Il conto economico è stato chiuso infine con un risultato netto negativo per circa 1,8 milioni, contro una perdita di 2 milioni indicata nel piano.

Dal lato patrimoniale, al 31 dicembre 2019 la posizione finanziaria netta di UCapital24 evidenziava cassa netta per circa 1 milione (PFN per 3mila euro al 31 dicembre 2018), grazie alla raccolta effettuata in sede di IPO. Il piano stimava liquidità nette per 0,8 milioni.

A seguito della diffusione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 che ha provocato un blocco sistemico dell’economia globale, la società ha ritenuto opportuno adottare delle strategie volte alla salvaguardia della cassa, in grado al tempo stesso di far leva sull’elasticità del modello organizzativo.

La decisione ha spinto UCapital24 a rinviare gli investimenti non strettamente indispensabili e a ripianificare di conseguenza il budget 2020, tale da consentire alla società di massimizzare le risorse per l’ottimizzazione dello sviluppo informatico e di fornire costantemente evoluzioni in termini di prodotti e servizi in linea con i cambiamenti dell’economia globale e le esigenze degli utenti in tutte le aree del mondo.

Il piano di recovery predisposto dalla società mira a una concentrazione dei flussi di cassa, in modo da poter continuare l’attività anche in uno scenario fortemente negativo per l’economia mondiale.

Sempre in termini di outlook, il 2020 vedrà inoltre il lancio dei nuovi prodotti integrati volti all’attivazione di tutte le linee di ricavi come le licenze premium, white label, advertising, social media & social TV. Si segnala in merito che il prossimo prodotto integrato in uscita consiste in un servizio relativo ai webinar on line sviluppato attraverso l’interazione tra investitori istituzionali, retail e aziende.

Le azioni del 2020 saranno inoltre finalizzate all’acquisizione di clienti istituzionali con l’obiettivo di coprire tutta l’area europea e parte dell’est asiatico, oltre all’area del golfo arabico per penetrare poi nel nord America. La società intende accelerare il processo di crescita attraverso opportunità di crescita per linee esterne.