4Aim Sicaf (Aim) – Il portafoglio partecipazioni sale a 16,3 mln nel 1H 2020

“Il semestre è stato caratterizzato dalla forte volatilità dei mercati, a causa dell’emergenza epidemiologica. Complessivamente, tuttavia, il risultato della gestione investimenti, per quanto negativo per effetto delle minusvalenze latenti su titoli in portafoglio, ha registrato utili da realizzo per 1.096.580 euro”.

È con queste parole che Giovanni Natali, presidente di 4Aim Sicaf, ha commentato i risultati del primo semestre 2020 approvati dal Cda.

“La società, a causa della fortissima volatilità dei mercati all’inizio del mese di marzo 2020, ha registrato significative potenziali minusvalenze. I mesi di maggio e giugno hanno comunque permesso di recuperare parzialmente le perdite registrate nel mese di marzo 2020”, riporta una nota.

Il risultato netto della gestione investimenti è stato negativo per 758 mila euro (+804 mila euro nel pari periodo del 2019), comprensivo di utili da realizzi per 1,1 milioni (+205 mila euro nel periodo di confronto), minusvalenze nette su strumenti finanziari quotati per 1,8 milioni (plusvalenze per 588 mila euro nell’anno precedente), interessi, dividendi e altri proventi per 83 mila euro (+12 mila euro nei primi sei mesi del 2019).

Il risultato della gestione in strumenti finanziari quotati è influenzato dall’andamento dei titoli in portafoglio nel corso del primo semestre 2020. Si evidenzia al merito che non sempre si tratta di perdite realizzate, quanto di minusvalenze da valutazioni ai corsi dell’ultimo giorno di Borsa aperta del primo semestre 2020.

Inoltre, sono state registrate minusvalenze derivanti da strumenti finanziari non quotati per 101 mila euro. Nello specifico, si tratta di una minusvalenza registrata sul titolo Costamp, società quotata sul mercato Aim Italia, il cui titolo è considerato alla stregua di un “non quotato” ai fini della presente relazione semestrale, in quanto non ha soddisfatto i criteri
di liquidità stabiliti dalla SICAF legati ai volumi di scambio del titolo.

Il Cda ha comunque ritenuto di poter utilizzare il prezzo del titolo Costamp su Aim ai fini della valorizzazione.

Al netto di altri oneri finanziari per 4 mila euro (0,8 mila euro nel periodo di confronto), il risultato netto della gestione caratteristica è negativo per 762 mila euro (positivo per 804 mila euro nei primi sei mesi del 2019).

Dopo oneri di gestione saliti a 736 mila euro (+13,9% a/a), il risultato operativo si è fissato a -1,5 milioni (+158 mila euro nel primo semestre 2019).

Gli altri ricavi e oneri sono scesi a 36 mila euro (+709 mila euro nel periodo di confronto). La società ha precisato che “nel corso del semestre chiuso al 30 giugno 2020 sono proseguite le attività istituzionali di investimento. Non è invece stata svolta attività di consulenza”.

Il periodo si è chiuso con un una perdita netta di 1,7 milioni, a fronte di un utile netto di 0,7 milioni nel 2019.

A fine giugno il portafoglio partecipazioni sale a 16,3 milioni (14,7 milioni al 31 dicembre 2019), di cui 16 milioni riferito a società quotate.

Al 30 giugno il portafoglio di investimento in società quotate è composto da: Abitare In, Alkemy, Amm, Borgosesia, Cdr Advance Capital, Clabo, CleanBnb, Copernico Sim, Costamp Group, Cover 50, Culti Milano, Cyberoo, DBA Group, Digital360, Digital Value, DigiTouch, DHH, Eles, Esautomotion, Fervi, Finlogic, Fos, Gibus, Gismondi 1754, Grifal, Health Italia, Ilpra, Italian Wine Brands, Kolinpharma, Lucisano Media Group, Mailup, Maps, Marzocchi Pompe, Masi Agricola, Neodecortech, Neosperience, Notorious Pictures, Officina Stellare, Pattern, Pharmanutra, Powersoft, Prismi, Radici, Relatech, Renergetica, Sec, SEIF, SG Company, ShedirPharma, SOSTravel, Telesia, TraWell Co., UCapital24, Unidata e Vetrya.

Si tratta di quote sotto la soglia del 5%, conformemente alle politiche di mitigazione del rischio proprie della società.

Al 30 giugno 2020 il patrimonio netto si fissa a 20,3 milioni (22 milioni al 31 dicembre 2019). Il valore unitario delle azioni (NAV) a fine giugno è pari a 409 euro (443 euro al 31 dicembre 2019).

Per effetto dell’esecuzione dell’aumento di capitale fino a 24,8 milioni e della relativa disponibilità dei fondi, la società ha visto un significativo sviluppo delle attività di investimento sul mercato Aim Italia già a partire dall’ultimo trimestre 2019, proseguito anche nel corso del 2020. La previsione dell’andamento dei mercati finanziari è di difficile formulazione.

La società conta di incrementare significativamente le proprie disponibilità, grazie all’operazione di aumento del capitale sociale fino a un massimo di 100 milioni, deliberata dai soci, rivolgendosi prevalentemente a investitori istituzionali che avranno valutato positivamente la progettualità di 4Aim Sicaf e la sua natura di innovativo strumento d’investimento.