Scm Sim (Aim) – Commissioni attive in calo (-45,5%) a 2 mln e perdita netta di 494 mila euro nel 1H 2020

Scm Sim ha archiviato il primo semestre 2020 con commissioni attive in calo a 2 milioni (-45,5% a/a), a causa degli impatti legati al lockdown a seguito della crisi da Covid-19.

Al netto delle commissioni passive, scese da 1,6 milioni a 0,9 milioni, le commissioni nette si sono fissate a 1,1 milioni (-43% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).

La valorizzazione dei patrimoni ha risentito dell’andamento dei mercati finanziari. La società ha registrato, inoltre, la quasi totale assenza di commissioni di performance e una riduzione, dal mese di marzo, delle commissioni legate alle operazioni “one-shot”
che costituiscono, in genere, una parte importante dei ricavi”, spiega una nota.

Il margine di intermediazione è pertanto sceso a 1,1 milioni (-45% rispetto al primo semestre 2019).

Nonostante costi operativi diminuiti a 1,6 milioni (-17,2% a/a) a seguito del calo delle spese amministrative (-22% su base annua a 1,6 milioni), il periodo si è chiuso con una perdita netta di 494 mila euro, rispetto all’utile netto di 19 mila euro dei primi sei mesi del 2019.

Dal lato patrimoniale, al 30 giugno 2020 la diminuzione dell’attivo è legata al decremento dei crediti verso le banche, pari a 928 mila euro (-44% rispetto a fine 2019), mentre il calo del passivo risente della riduzione del patrimonio netto a 2,9 milioni (-14,5% rispetto al 31 dicembre 2019) a seguito della perdita registrata nel periodo.

A fine giugno, il totale degli Asset Under Control ammonta a 964,4 milioni (771,6 milioni al 31 dicembre 2019). I patrimoni in gestione sono pari a 172,5 milioni (186,1 milioni a fine 2019), mentre quelli in consulenza si fissano a 476 milioni (504 milioni al 31 dicembre 2019).

Il valore della distribuzione dei prodotti assicurativi è aumentato a 298,5 milioni (62 milioni a fine 2019), grazie al reclutamento di 20 consulenti provenienti da Eurovita, con un portafoglio assicurativo di oltre 240 milioni, mentre il patrimonio riferito alle Sicav è pari a 17,7 milioni (19,7 milioni al 31 dicembre 2019).

La società ha registrato, nel primo semestre, una raccolta netta totale di 202 milioni, composta da una raccolta negativa per circa 6 milioni in gestioni patrimoniali, una raccolta negativa per circa 27 milioni in consulenza, e una raccolta netta positiva per 235 milioni in polizze assicurative, per la maggior parte apportata dai consulenti provenienti da Eurovita.

In relazione agli impatti futuri sui conti aziendali della crisi determinata dalla pandemia, i riflessi sulla pianificazione strategica sono difficilmente quantificabili e dipendono in gran parte dalle modalità con le quali sarà affrontato un eventuale peggioramento della situazione nei prossimi mesi.