Mercati – Apertura poco mossa, Ftse Mib a +0,2%

Apertura poco mossa per le borse europee, dopo le perdite di ieri innescate dai timori legati alla seconda ondata di Covid 19 e all’impatto sull’economia dei nuovi parziali lockdown.

A Milano il Ftse Mib avanza dello 0,2% in area 18.980 punti. Poco distanti dalla parità anche l’Ibex 35 di Madrid (+0,2%), il Dax di Francoforte (+0,1%), il Ftse 100 di Londra (+0,1%) e il Cac 40 di Parigi (-0,2%).

L’incremento dei casi di coronavirus nel mondo continua ad appesantire il sentiment degli operatori, in un clima già improntato alla cautela in vista delle elezioni presidenziali Usa e in scia ai ritardi nell’approvazione di un nuovo piano di aiuti all’economia americana.

Ieri, l’Oms ha avvertito che alcuni Paesi potrebbero dover chiudere nuovamente le loro attività non essenziali per frenare il dilagare della pandemia, che ha ora infettato oltre 43 milioni di persone nel mondo e ha causato più di 1 milione di morti.

In Europa, le autorità hanno imposto nuove misure restrittive per cercare di tenere sotto controllo la diffusione del virus, incontrando però l’opposizione di diverse categorie colpite dai nuovi provvedimenti e alimentando le tensioni sociali.

Intanto sul Forex il biglietto verde è poco mosso nei confronti delle altre valute, in una giornata povera di appuntamenti macro significativi. Il cambio euro/dollaro viaggia a 1,182 e il dollaro/yen a 104,8, in attesa delle riunioni di Boj e Bce in programma giovedì.

Tra le materie prime parziale rimonta per le quotazioni del greggio dopo le recenti perdite, con il Brent (+0,6%) a 41 dollari e il Wti (+0,5%) a 38,8 dollari, mentre l’oro si attesta in area 1.905 dollari l’oncia.

Sull’obbligazionario, infine, lo spread Btp-Bund riparte in area 130 punti base con il rendimento del decennale italiano allo 0,73%, mentre parte oggi una tre giorni di aste che vede stamane il Mef impegnato nell’emissione di Ctz settembre 2022 per un ammontare tra 2 e 2,5 miliardi e Btpei maggio 2026 tra 500 e 750 milioni.

Tornando a Piazza Affari, bene in avvio FinecoBank (+1,6%) e Banco Bpm (+1,1%), mentre arretra ancora Pirelli (-1,4%) dopo aver perso oltre il 4% ieri. Positive Campari (+0,6%) e Mediobanca (+0,4%), in attesa dei Cda per l’approvazione dei dati contabili.