ESI (Aim) – In asta di volatilità a -6,6%

Frena la corsa di ESI nel terzo giorno di contrattazioni. Il titolo è fermo in asta di volatilità dalle 10:24 con un ribasso del 6,6% a 4,40 euro, a fronte del -2% del Ftse Aim Italia.

Il tutto dopo che le azioni dell’operatore EPC e System Integrator nel settore delle energie rinnovabili attivo in Italia e a livello internazionale hanno registrato +49,5% e +50% rispettivamente nella prima e seconda seduta di negoziazioni, dopo un collocamento a 2,10 euro.

Ricordiamo che Borsa Italiana ha comunicato che, dal 27 ottobre 2020 e fino a successiva comunicazione, sulle azioni ordinarie ESI non sarà consentita l’immissione di ordini senza limite di prezzo.