Askoll EVA (Aim) – Forte crescita delle vendite nel 3Q20, buone prospettive per il FY

Askoll EVA ha registrato nel terzo trimestre 2020 vendite in forte crescita, raggiungendo quota 5 milioni e segnando un +136% rispetto all’intero primo semestre dell’anno.

La crescita è stata spinta in particolare dalla nuova gamma di modelli di scooter elettrici lanciati non appena avviata la cosiddetta “Fase 2” dell’emergenza sanitaria COVID-19 a fine primavera e che stanno ottenendo un positivo riscontro da parte dei clienti privati di tutta Europa.

Askoll EVA si conferma così leader sia sul mercato italiano degli e-scooter dove ha raggiunto una quota retail del 30%, sia in quello Europeo dove continua ad essere il secondo player con una quota dell’11% (stime del Management).

A conferma ed in continuità con quanto avvenuto nel corso del terzo trimestre 2020, Askoll EVA che il trend positivo prosegue anche negli ultimi tre mesi dell’esercizio in quanto continuano a crescere gli ordinativi anche nel settore delle flotte, avendo appena ottenuto due nuovi importanti ordini per “Veloce” e “Runner Pizza” per la fornitura rispettivamente di 100 e 80 scooter elettrici per un valore stimato pari a circa 0,3 milioni e 0,2 milioni.

Tali ordini si vanno ad aggiungere a quelli già ricevuti e che saranno da evadere entro fine anno per 400 scooter elettrici per il cliente Cooltra e 200 per il nuovo cliente sharing BIT Mobility.

L’Amministratore Delegato Gian Franco Nanni ha commentato: “La chiusura del terzo trimestre in crescita, grazie alla spinta del retail, e gli ultimi accordi per la consegna di e-scooter siglati con BIT Mobility, Cooltra, Veloce e Runner Pizza per un valore complessivo di oltre i 2 milioni, la cui produzione e fatturazione è prevista nel quarto trimestre, ci consentono di essere fiduciosi per la chiusura dell’anno”.

“Riteniamo che la crescita continuerà ad essere sostenuta anche grazie agli incentivi per la mobilità sostenibile da parte del Governo italiano che, consentendo risparmi del 30% che arrivano fino al 40% in caso di rottamazione, stanno spingendo privati e operatori business a procedere con gli acquisti entro la fine dell’anno. Riteniamo inoltre che, nonostante nel primo semestre il lockdown e le chiusure forzate dei negozi e delle produzioni a causa del COVID-19 abbiano fortemente penalizzato i nostri risultati, quanto sta succedendo nella seconda parte dell’anno vada a confermare come la paura del contagio, pendente la pandemia, possa essere anche un importante elemento di spinta verso scelte di mobilità individuale a scapito del trasporto pubblico e che probabilmente questo spingerà verso ulteriori interessanti crescite sia in ambito retail sia in ambito sharing”.

“Tuttavia, non potendo escludere l’adozione di ulteriori misure di contenimento alla mobilità o nuovi lockdown, il Management non ritiene ancora possibile valutare gli impatti di tali misure sulle attività di Askoll EVA e formulare previsioni attendibili sui risultati finali dell’anno 2020”.