Health Italia (Aim) – Balzo dell’Ebitda (+87%) e dell’utile netto (+58%) nel 2020

Nel 2020 il gruppo Health Italia ha realizzato ricavi totali pari a 32,8 milioni, in crescita del 3,3% su base annua.

La divisione “Healthcare and Services” ha contribuito al fatturato per l’85%, la “Medical services” per il 10% e la “Nutraceutical & Cosmeceutical” per il 5%.

I soli ricavi operativi ammontano a 32,2 milioni, in aumento del 2%.

L’Ebitda si è attestato a 6,2 milioni, in progresso dell’87%, con il relativo margine al 18,9% in aumento rispetto al 2019 (10,4%) mentre l’Ebit è stato pari a 1,7 milioni (negativo per 1,2 milioni nel 2019).

L’esercizio si è chiuso con un utile netto di 1,3 milioni, in crescita del 58%.

Sul fronte patrimoniale l’indebitamento finanziario netto si è fissato a 10,4 milioni, in aumento di 1,4 milioni rispetto al 31 dicembre 2019. Tale aggregato include l’ammontare del prestito obbligazionario convertibile concluso da Health Italia per 10,2 milioni con scadenza nel 2023, e debiti verso banche e verso altri finanziatori oltre 12 mesi che complessivamente ammontano a 5,6 milioni parzialmente compensato da disponibilità liquide per 4,7 milioni (1,1 milioni).

Il Gruppo continuerà a operare in modo ancor più integrato con un sistema commerciale multicanale, con una clientela sempre maggiormente fidelizzata ed anche in una logica di cross selling in tre mercati con interessanti prospettive di crescita nei prossimi anni, quali sanità integrativa e welfare aziendale, telemedicina e prestazioni sanitarie, e cosmeceutica – nutraceutica.

Nonostante le variabili esogene siano ancora molte e troppo aleatorie per consentire di formulare ipotesi di lungo periodo, la società ritiene che ci siano buoni presupposti di crescita, sia in termini di ricavi che di redditività, a fronte delle scelte politiche nazionali e delle modifiche culturali dettate dalla pandemia, che privilegiano soluzioni strategiche che potranno favorire lo sviluppo dei mercati della sanità integrativa, del welfare, della telemedicina e delle bioscienze.

L’AD Massimiliano Alfieri ha dichiarato: “Archiviamo il 2020 assolutamente soddisfatti per i risultati raggiunti e gli obiettivi di sviluppo portati a termine. La crescita in termini di redditività e la significativa crescita della marginalità sono la coerente conseguenza di un modello di business integrato ed articolato e di un’attenzione costante all’innovazione nell’offerta e nelle modalità operative”.

“In futuro, ci proponiamo di sfruttare le opportunità di cross selling esistenti tra i mercati in cui operiamo, basandoci sulla nostra significativa esperienza nel campo della protezione sanitaria, nella telemedicina e nel settore della nutraceutica e cosmeceutica. Abbiamo inaugurato il 2021 festeggiando il 20esimo anno dalla fondazione della Società, e siamo fiduciosi che questo sia solo un importante traguardo di un lungo percorso di crescita”.