Mercati – Posizioni short da Consob (12/01/2018)

In allegato l’aggiornamento al 12 gennaio delle posizioni short comunicate alla Consob dagli operatori finanziari. Le posizioni vengono rilevate soltanto se superiori allo 0,5 per cento. La tabella mostra, in ordine decrescente, la classifica dei titoli in base alla quota di capitale su cui sono aperte posizioni nette corte.

In data odierna il titolo più shortato è ancora Maire Tecnimont con 9 posizioni nette corte per una quota pari al 12,74% del capitale (8 posizioni pari al 12,31% del capitale al 22 dicembre).

Medaglia d’argento per Banco Bpm con 8 posizioni nette ribassiste per una quota pari al 9,82% del capitale (8 posizioni pari al 9,69% del capitale al 22 dicembre).

Sale al terzo posto Bper con 7 posizioni nette corte pari all’8,53% del capitale (8 posizioni pari all’8,25% del capitale al 22 dicembre).

Manca il podio Ubi con 6 posizioni nette ribassiste per una quota pari al 7,52% del capitale (7 posizioni pari all’8,28% del capitale al 22 dicembre).

Dall’ultimo aggiornamento al 22 dicembre è stata aperta 1 posizione netta ribassista su Intesa (0,71% del capitale), 1 su Enel (0,60% del capitale) e 1 su Eni (0,60% del capitale). Nel frattempo è stata chiusa 1 posizione netta corta su Iren (0,90% del capitale), 1 su Gefran (0,59% del capitale), 1 su Geox (0,52% del capitale) e 1 su D’Amico (0,50% del capitale).

Si ricorda che il 5 gennaio 2017 è scaduto il divieto di posizioni short su titoli Mps. Il titolo, sospeso dal 23 dicembre 2016, ha ripreso le contrattazioni mercoledì 25 ottobre 2017.

Per ulteriori dettagli sui sistemi di rilevazione della Consob rimandiamo al sito Internet della Commissione.