Wm Capital (Aim) – Nel 2017 la gestione operativa diventa positiva

Il Cda di Wm Capital, specializzata nel business format franchising promuovendo la crescita delle imprese attraverso lo sviluppo di sistemi di franchising in Italia e all’estero, ha approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2017.

A livello consolidato, il valore della produzione è stato pari a 1,6 milioni, con un incremento del 2,8% rispetto al 2016. In particolare, i ricavi delle vendite e delle prestazioni sono saliti dell’8,2% a 1,4 milioni.

E’ stata implementata una strategia volta alla razionalizzazione dei costi, adeguandosi alla trasformazione del mercato di riferimento. Una  politica che ha avuto esiti positivi con l’Ebitda più che raddoppiato a 470mila euro grazie all’ottimizzazione dei processi e della gestione dei costi, fissi e variabili. L’Ebit è passato da negativo per 244mila euro a positivo per 106mila euro, anche grazie a minori ammortamenti e svalutazioni per 80mila euro.

Il conto economico si chiude con una perdita netta diminuita da 196 a 62mila.

Dal lato patrimoniale, l’indebitamento finanziario netto consolidato è sceso di 24mila euro a 401mila euro rispetto a fine anno 2016. Il Cda proporrà all’assemblea di destinare l’utile di esercizio della Capogruppo, pari a 43mila euro, a riserva legale.

Wm Capital è pronta per commercializzare il Box della Salute, presentato lo scorso luglio al mercato, e per sfruttare tutte le opportunità che deriveranno non solo dalla positiva politica di investimento adottata ma anche dalla partecipazione alla Main Capital Sgr per lo sviluppo di nuovi progetti.

“Emerge chiaramente l’impegno della società” ha dichiarato il presidente Fabio Pasquali “nel proseguire e implementare la sua attività di supporto alle reti in franchising anche grazie al lancio del fondo Az franchising fund nato per sostenere le aziende nella loro crescita, sfruttando la nostra esperienza maturata in oltre 25 anni di attività in questo settore. In tale contesto è stata fondamentale l’approvazione del ddl liberalizzazioni che ha favorito il recente ingresso nella neocostituita Main Capital Sgr con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo del nuovo progetto «Farmacie Innovative».”

“Per quanto concerne le attività delle nostre società partecipate,” ha proseguito Pasquali “il format Dr. Fleming, in questo momento di evoluzione del mercato di riferimento, può finalmente cogliere le potenzialità e sfruttare gli investimenti fatti fino ad ora, al fine di ottenere uno sviluppo a livello internazionale mediante master franchising.”