Ceramiche Ricchetti – Firmato accordo d’investimento per il rilancio del gruppo

Fincisa e Ceramiche Industriali di Sassuolo e Fiorano, che ad oggi detengono una partecipazione pari al 62,4% del capitale del Gruppo Ceramiche Ricchetti, hanno firmato insieme a QuattroR un accordo finalizzato all’acquisizione del controllo da parte di quest’ultima del Gruppo Ceramiche Ricchetti (GCR).

L’operazione è stata condivisa per supportare il rilancio della società ed assicurarne il rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale.

In base all’accordo di investimento è previsto che le parti costituiscano un apposito veicolo societario in favore del quale saranno conferiti: l’intera partecipazione del 62,4% detenuta da Fincisa e Ceramiche Industriali di Sassuolo e Fiorano per complessive 51.076.730 azioni ordinarie del GCR, tutti i crediti derivanti dai finanziamenti da soci e da parti correlate, oltre che le risorse finanziarie necessarie pe ril perfezionamento dell’operazione.

A seguito delle suddette attività, la NewCo sarà controllata da QuattroR e partecipata da Fincisa e Ceramiche Industriali di Sassuolo e Fiorano, le quali co-investiranno, mantenendo, pertanto, un investimento indiretto di minoranza nella società.

Il conferimento della partecipazione di controllo sarà eseguito ad un prezzo per ciascuna azione ordinaria pari a 0,215 euro. A seguito dell’acquisto della partecipazione di controllo,
la NewCo promuoverà un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria sulla totalità delle restanti azioni della società in circolazione.

Inoltre, ove per effetto delle adesioni all’OPA, la NewCo venisse a detenere una partecipazione superiore al 90% del capitale non verrà ripristinato un flottante sufficiente ad assicurare il regolare andamento delle negoziazioni.

L’accordo di investimento prevede altresì l’impegno delle parti di investire, tramite NewCo, fino a massimi 40,5 milioni nella società, in funzione dell’andamento dell’OPA e delle esigenze del nuovo piano industriale in fase di elaborazione.

L’esecuzione dell’operazione è sospensivamente condizionata all’avveramento, entro il 31 dicembre 2018, di un insieme di condizioni, tra le quali la circostanza che non sorga a carico di NewCo l’obbligo di promuovere l’OPA ad un prezzo per singola azione superiore al prezzo per azione e la definizione di un piano industriale.