Servizi finanziari (Aim) – Comparto in calo (-0,3%), bene Assiteca (+4,5%)

Ieri il Ftse Aim Italia ha perso lo 0,7%, sottoperformando sia il London Ftse Aim 100 (+0,8%) sia il London Ftse Aim All Share (+0,6%).

Il volume medio dei titoli scambiati è stato pari a 2.002.166 azioni, inferiore rispetto al volume medio delle 5 sessioni precedenti.

Il Ftse Aim Servizi Finanziari è sceso dello 0,3 per cento.

Migliore del comparto Assiteca (+4,5% a 2,34 euro) che ha scambiato solo 2.250 azioni contro la media di 3.300 delle ultime cinque sedute. Si ricorda che gli analisti di KT&P hanno aumentato il fair value price a 3,01 euro, un prezzo che incorpora un upside di circa il 30% rispetto al prezzo di chiusura di ieri.

Bene anche Wm Capital (+3,7%) con 222.000 titoli trattati, contro una media di 69.300 degli ultimi cinque giorni.

Acquisti su Net Insurance (+4,3%) e Archimede (+0,4%). Le due società stanno attuando la business combination.

In parità Spaxs, che  ha recentemente approvato la business combination con Banca Interprovinciale. Inoltre, la spac ha comunicato che la procedura di liquidazione delle azioni di recesso si è conclusa e solo il 6% del totale delle azioni sono rimaste inoptate. Tali azioni saranno annullate in data 12 novembre.

In coda in calo di un frazionale 0,2% Ideami, Ambromobiliare e Sprintitaly. Si ricorda che Ideami ha annunciato la business combination con Agrati.