Utility Aim (-0,1%) – In rosso Enertronica Santerno (-3,8%) nell’ottava

Nelle sedute dal 19 al 23 aprile il Ftse Aim Italia ha riportato un +1%, rispetto al +1,3% del London Ftse Aim 100 e al +0,8% London Ftse Aim All Share.

Il volume medio di azioni scambiate nell’ottava è stato di 9,2 milioni di azioni, di poco inferiore alla media delle ultime 30 sedute.

In settimana l’attenzione degli investitori si è concentrata sulla ripresa economica e sulla lotta al virus, oltre che sulla stagione di trimestrali.

Riflettori anche sulla riunione della Bce, che ha confermato la politica monetaria e il sostegno all’economia. Sul fronte macro, le richieste di sussidi di disoccupazione negli Usa sono state inferiori alle attese, mentre nell’eurozona ad aprile emerge un’espansione record del comparto manifatturiero e un ritorno alla crescita dei servizi.

Sull’obbligazionario, in chiusura di ottava, lo spread Btp-Bund si è attestato a 103 punti base con il rendimento del decennale italiano allo 0,78%, in attesa dell’aggiornamento di S&P del rating sull’Italia (BBB con outlook stabile). E’ terminato il collocamento al retail del Btp Futura, che ha raccolto complessivamente 5,48 miliardi.

L’indice Aim Servizi Pubblici ha riportato un -0,1%.

Acquisti in particolare su Renergetica (+3,2%), che ha chiuso il 2020 con un risultato netto positivo per 2,39 milioni (+34% a/a), ed ESI (+3,2%) che ha connesso alla rete l’impianto fotovoltaico Binatria (15 MWp) realizzato a Maiorca, isole Baleari.

Orizzonte Uno ha depositato la lista per il rinnovo del Cda di Elettra Investimenti (0,0%),
previsto all’ordine del giorno dell’assemblea del 29 aprile 2021.

Vendite su Agatos (-1,7%) che ha approvato il nuovo Piano Industriale 2021-2025 che comprende le attività, escluso il business minieolico che fa parte degli assets non strategici, di Agatos e della controllata Agatos Energia, EPC contractor del Gruppo.

In coda Enertronica Santerno a -3,8%.

Infine, a marzo 2021 la domanda elettrica in Italia è stata pari a 26,7 miliardi di kWh (+0,6% rispetto a marzo 2019; +11,8% rispetto a marzo 2020). La produzione nazionale netta ha registrato un incremento su base annua del 12% a 22,6 miliardi di kWh. In aumento le fonti fotovoltaica (+19,5%), termoelettrica (+12,5%), idrica (+11%) ed eolica (+5,6%). In calo solamente la produzione geotermica (-4,6%).