Tech Aim (+0,5%) – Id-Entity in vetta al settore (+6,6%), MAPS (+5,1%) dopo acquisizione 100% Iasi

Nell’ultima seduta il FTSE AIM Italia ha guadagnato lo 0,6%, sottoperformando il London FTSE AIM 100 (+1,7%) e il London FTSE AIM ALL Share (+1,5%). L’indice AIM Tecnologia ha chiuso con un rialzo dello 0,5%. In evidenza la performance registrata da Id-Entity (+6,6%).

Denaro su MAPS (+5,1%) dopo aver annunciato l’acquisizione del 100% del capitale sociale di Iasi, azienda di produzione software specializzata nella digital transformation della Sanità Pubblica e Privata.

Sourcesense (+1,3%) ha diffuso a mercati chiusi i preliminari del primo semestre 2021, chiusi con una forte crescita organica. I ricavi sono saliti del 46% a 9,8 milioni e l’Ebitda ha raggiunto 1,2 milioni (+56%).

Relatech (+0,7%) ha annunciato alcuni dati gestionali consolidati riguardanti il primo semestre 2021, chiuso con ricavi delle vendite consolidati a 11,6 milioni (+43% a/a). La quota di ricavi ricorrenti si attesta a 3,2 milioni circa (+42%) ed è pari al 28% dei ricavi dalle vendite. Il Cda di Relatech ha approvato un piano di incentivazione destinato ad alcuni componenti del board da eseguirsi mediante l’assegnazione di massimi 400.000 Warrant Relatech 2019-2022 in esecuzione della delibera dell’assemblea dei soci dell’11 marzo 2019.

DigiTouch (invariata) ha stretto un accordo con Confindustria Alto Adriatico di Pordenone per l’ingresso nella compagine societaria del Polo tecnologico Alto Adriatico Andrea Galvani.

Expert.ai (-1,7%) ha proclamato i vincitori dell’hackathon “Sentiment & Opinion Mining Natural Language API”, un evento nel corso del quale centinaia di sviluppatori di tutto il mondo hanno sviluppato nuove app o ne hanno migliorate altre già esistenti utilizzando expert.ai NL API, l’applicazione in cloud per il linguaggio naturale basata sulla tecnologia di intelligenza artificiale del gruppo.

PRISMI (-1,8%) ha ricevuto la quarta richiesta di conversione parziale della prima tranche del prestito obbligazionario convertibile cum warrant riservato a Negma Group. Nello specifico la richiesta di conversione riguarda 5 obbligazioni, per un controvalore complessivo pari a 50.000 euro.