Media Aim (+0,1%) – In evidenza Portobello (+19,7%) nei cinque giorni

Nell’ottava dal 23 al 27 settembre il Ftse Aim Italia è arretrato dello 0,2%, sovraperformando entrambi gli indici londinesi di confronto, con il Ftse London 100 a -1,8% e il Ftse London Aim All Share a -1,6 per cento.

In calo il numero di titoli passati di mano rispetto al volume medio delle ultime cinque sedute, con 5.340.495 pezzi trattati.

Guadagna lo 0,1% l’Indice Aim Media.

La migliore della settimana è stata Portobello (+19,7% a 7,54 euro). Dai conti del 1H 2019, divulgati lunedì sera, a mercati chiusi, è emerso un balzo dei margini operativi e dell’utile netto.

Giovedì, inoltre, gli analisti di Integrae Sim hanno confermato il “Buy” e alzato il target price a 15,66 euro (11,40 euro prima indicato).

Segno positivo su Visibilia Editore (+4,3%), il cui azionista Giuseppe Zeno è salito al 5,12% del capitale. Venerdì, invece, l’azionista Visibilia Editore Holding ha versato a favore dell’emittente 25mila euro in conto futuro aumento di capitale.

In scia si posiziona Gambero Rosso (+2,8%). Il primo semestre dell’anno si è chiuso con un utile netto cresciuto del 44,5% a 0,5 milioni, ma un peggoramento dell’indebitamento finanziario netto salito di circa 2,8 milioni a oltre 6,5 milioni.

Denaro anche su Telesia (+1%), spinta dal convincente primo semestre 2019, che ha mostrato un miglioramento della gestione operativa, con l’Ebitda salito del 30% a 1,2 milioni, presentando una marginalità al 35% (29% nel 1H 18), mentre l’Ebit è aumentato del 29% a 0,9 milioni.

Termina flat Lucisano Media Group, fresca di un accordo di sviluppo con RTI per la serie tv  “Sienna“.

Lettera, invece, su Blue Financial Communication (-4,1% a 1,44 euro), nonostante i risultati del 1H 19 abbiano evidenziato una crescita a doppia cifra dei ricavi e dei margini.

Gli analisti di Integrae Sim hanno confermato il giudizio “Buy” indicando un target price a 3,15 euro (3,58 euro prima indicato).

Vendite anche SG Company (-4,6%), che ha vinto la gara per un piano triennale di comunicazione integrata di Be Power.

Giovedì la società milanese ha poi reso noto di aver firmato la seconda edizione Milano Wine Week 2019.

Peggio ha performato Casta Diva Group (-5,9%), nonostante i risultati dei primi sei mesi del 2019 abbiano svelato un valore della produzione balzato a 21,7 milioni da 10,8 milioni nel 1H 18 e un miglioramento della gestione operativa.

Il board della società capitolina ha poi approvato un aumento di capitale in opzone per un importo superiore ai 3 milioni.

 

 

###

Resta sempre aggiornato sul tuo titolo preferito, apri l'Insight dedicato a BFC Media, Casta Diva Group, Gambero Rosso, Lucisano Media Group, Portobello, SG Company, Telesia, Visibilia Editore