Expert System (Aim) – Dopo l’aumento di capitale accelera sul piano strategico al 2024

Nuove risorse per 30 milioni a supporto del pianoPath to Lead”

“L’aumento di capitale portato a termine alla fine di luglio è stato motivo di grande soddisfazione, innanzitutto perché abbiamo raccolto il massimo dell’ammontare ipotizzato, cosa assolutamente non scontata visto il contesto globale e finanziario del momento”, afferma Stefano Spaggiari, Presidente di Expert System, in un’intervista a Market Insight.

Ricordiamo che la Società ha completato con successo la raccolta di 25 milioni, a seguito delle recenti operazioni di aumento di capitale in opzione (8 milioni) e riservato a investitori istituzionali (17 milioni).

“Abbiamo riscontrato un grande interesse, l’offerta è risultata quasi doppia rispetto a quanto avevamo ipotizzato al massimo della forchetta, nonostante non fosse necessario raccogliere tutto l’ammontare deliberato”. Inoltre, prosegue Spaggiari, “la maggior parte dell’importo proviene da investitori esteri e questo è un altro aspetto molto importante poiché dà un ulteriore slancio all’internazionalizzazione dell’azienda.”

Questa operazione, incalza Spaggiari, rappresenta “un passo fondamentale per l’implementazione del nostro piano strategico Path to Lead 2020-2024. Insieme alla vendita della nostra quota in Cy4Gate, l’azienda che avevamo contribuito a fondare e che si è quotata il 24 giugno, abbiamo raccolto l’intero ammontare totale ipotizzato, necessario per supportare lo sviluppo del piano, pari a 30 milioni”.

 

Una nuova piattaforma Saas per diventare leader nelle tecnologie NLU/NLP

Un piano che “punta a trasformare Expert System nel leader mondiale di fornitura di tecnologie per il Natural Language Understanding e Natural Language Processing (NLU/NLP)”.

Alla base di tutto “c’è l’ulteriore sviluppo di una piattaforma già a nostra disposizione per consentire l’implementazione in modalità software-as-a-service. Avrà quindi delle caratteristiche importanti in termini di scalabilità e di applicazione orizzontale, sia direttamente, attraverso un canale che abbiamo intenzione di potenziare notevolmente e sia sulla componente OEM, includendo all’interno di software di terze parti le funzionalità di Natural Language Understanding di Expert System”.

A fine luglio, ricordiamo, è stata presentata expert.ai NL API, l’applicazione cloud che consentirà a data scientist, linguisti computazionali, ingegneri della conoscenza e sviluppatori di integrare facilmente nelle proprie soluzioni funzionalità avanzate basate sulla comprensione e sull’elaborazione del linguaggio naturale (NLU/NLP). Il rilascio dell’API segna l’avvio della strategia cloud di Expert System, coerentemente con quanto previsto dal piano, mentre la piena operatività della piattaforma è prevista per marzo 2021.

 

Investimenti in tecnologia e marketing per raggiungere 100 mln di fatturato nel 2024

Gli obiettivi di Expert System, afferma Spaggiari, “sono ambiziosi ma sicuramente possibili attraverso questo nuovo modello. Il target al 2024, termine del piano strategico, è di triplicare il nostro attuale fatturato che è pari a circa 30 milioni”.

Il tutto con un focus decisivo sul mercato americano, poiché dei 100 milioni di ricavi previsti nel 2024 “più della metà saranno sviluppati negli Stati Uniti, il territorio su cui abbiamo intenzione di crescere più rapidamente. Questo perché negli Usa ci sono grandi opportunità, sia per la dimensione del mercato sia per la ricettività che questo Paese ha nei confronti di tecnologie di qualità, che possono veramente fare la differenza.”

Per quanto riguarda l’esecuzione del piano, precisa Spaggiari, “già a inizio anno abbiamo anticipato alcune attività facendo leva sulle risorse che avevamo a disposizione”. Nel frattempo, è scoppiata l’emergenza Covid-19 ma “avendo la possibilità di lavorare tutti in smart working alcune cose sono già state avviate e ora, con le nuove risorse, sarà possibile accelerare ulteriormente”.

In particolare, sono già stati fatti e verranno effettuati ulteriori investimenti “sulla componente di tecnologia, con l’inserimento di nuove persone, sulla ricerca e sviluppo e sulla realizzazione di componenti di supporto alla nostra piattaforma software-as-a-service. Investiremo molto in attività di sales e marketing, soprattutto negli Stati Uniti, perché una volta messa a punto la piattaforma, l’offering e i tools di contorno, sarà il momento di far conoscere a tutti i nostri prodotti”.

Pertanto, aggiunge Spaggiari, “è già partita l’attività di hiring di nuova forza commerciale e abbiamo potenziato notevolmente il top management con nuovi C-Level”. A tal proposito ricordiamo ad inizio agosto la nomina di Colin Matthews a Chief Revenue Officer (CRO) e di Keith C. Lincoln a Chief Marketing Officer (CMO).

“Siamo partiti a grande velocità perché è necessario farlo, il target è ambizioso e non c’è tempo da perdere”, conclude Spaggiari. “Sarà una sfida molto interessante e molto importante, che potrà creare un enorme valore per l’azienda”.

 

(Per accedere al video dell’intervista clicca QUI)