Aim (-0,2%) – Focus su Sciuker Frames (+23,9%) e Alfio Bardolla (+25,5%) nell’ottava

Nella settimana dal 23 al 27 settembre il Ftse Aim Italia ha terminato a -0,2%, al di sopra sia del London Ftse Aim 100 (-1,8%) sia del London Ftse Aim All Share (-1,6%).

Il volume medio dei titoli scambiati a seduta si è attestato a 5.340.495 pezzi, in calo rispetto a quello mediamente tradato a livello mensile.

La migliore del comparto è stata Caleido Group (+39,2%), in scia alla notizia del fallimento di Thomas Cook, storico operatore britannico.

Ben comprate anche Sciuker Frames (+23,9%) e Alfio Bardolla (+25,5%).

La prima ha concluso la partecipazione alla Nuova Fiera del Levante di Bari inauguratasi il 14 settembre scorso.

Venerdì la seconda ha svelato i risultati del 1H 19, che hanno evidenziato una crescita a double digit del giro d’affari. Inoltre, nel weekend si è tenuta a Rimini la 17° edizione di Wake Up Call.

Acquisti su AMM (+11,6%), che ha archiviato il primo semestre dell’anno con ricavi in crescita del 51% a 7,4 milioni e un Ebitda più che raddoppiato a 1,4 milioni.

Denaro su Abitare In (+4,3%). Mercoledì la società ha concluso, in una sola campagna vendite, la commercializzazione del progetto “Trilogy Towers”. Venerdì, invece, il board ha approvato il nuovo piano industriale 2019-2021.

Segno positivo anche su Somec (+2,8%), in scia ai risultati del primo semestre 2019, che hanno evidenziato un utile netto balzato del 63% a 4,3 milioni e un backlog a 552 milioni.

La società trevigiana ha poi avviato le attività per il passaggio al Mta sul segmento Star.

Bene Fervi (+1,7%), i cui risultati del 1H 19 hanno mostrato un utile netto salito a 1,3 milioni (+48%).

Tps avanza dello 0,5% a 4,16 euro, nonostante ad inizio ottava gli analisti di Integrae Sim abbiano ritoccato il target price a 8,40 euro e confermato il “Buy”.

Ottava incolore per Monnalisa, le cui azioni proprie sono salite allo 0,32% del capitale, dopo averne acquistate 342 per oltre 2mila euro tra il 16 e il 20 settembre. Inoltre, a metà settimana la società aretina è stata premiata per la seconda volta con il riconoscimento “Aziende Eccellenti 2019”.

Lettera, invece, su Energica Motor Company (-1,3%), che ha aperto il sesto periodo di esercizo dei warrant.

La casa costruttrice modenese ha poi annunciato un nuovo accordo commerciale in Olanda.

Segno negativo su Fope (-2% a 7,45 euro), dopo che gli analisti di Integrae Sim ne hanno confermato il “Buy” e tagliato il target price a 9,63 euro (10,24 euro indicato lo scorso 4 settembre).

In scia troviamo Neodecortech (-2,9% a 4,02 euro), su cui gli analisti di Value Track hanno confermato il rating “Buy” e limato il target price a 5,2 euro (5,4 euro prima indicato).

Inoltre, ad inizio settimana, la società bergamasca ha svelato i conti del 1H 19.

In rosso Askoll Eva (-13,7%), fresca dei risultati del 1H 2019 e dell’approvazione del Piano 2020-2021.